DAVANTI ALLO SPECCHIO


Cosa vediamo davanti allo specchio?
La nostra immagine, certo. Ma essa, pirandellianamente, com'è in realtà, non la conosciamo. Essa è frutto, e non potrebbe essere altro, di quello che ne pensiamo, ma anche di quello che ne pensano gli altri.
Schermata dal filtro della mente, essa, evidentemente, mente.
Non è mai quello che sembra essere. E' sempre qualcosa di più, o spesso qualcosa di meno di quello che potrebbe. Eppure con il passare del tempo, più lo specchio mi rimanda un' immagine lontana dai canoni della "giovinezza", più conto rughe e vedo cedimenti sparsi qua e là, e più mi sento libera. Libera di essere quella che sono.
Inevitabilmente diventa "bellezza", quello che ritorna , che non è quella che si vede con gli occhi, ma quella dell'emozione di vedersi, di essere lì, riflessa.
Di esistere.

9 commenti:

Elena ha detto...

Oserei dire di più: l'orgoglio di essere arrivata "fin qui", mi fa sentire una sorta di tenerezza riflessa, vedere ai miei occhi qualcosa di più bello, che da ragazza non riuscivo a vedermi. Vedo anche tante cose che non mi piacciono molto, certo, i cedimenti qua e là, rotolini di ciccietta sparsi, ma... Incredibile ma vero: libera, piacersi e non piacersi così come si è.

Anonimo ha detto...

Riflessione sulla bellezza, ovvero la bellezza riflessa: l’insolito riverbero di un incontro con sé stessi

Leggo con le mani incrociate sotto il mento. Nella prima parte la nostalgia mi assale: è un tormento!
Ecco, i canoni della giovinezza... in verità non li ho mai accettati perché non sono il riflesso dell’anima. È una cosa di cui continuamente me ne lamento.
Vorrei dire che non siamo ciò che pensano gli altri. Ci rifletto; ma se lo dico, mento.

"Libera di essere quella che sono".... memento...

Sorrido

EVA ha detto...

BELLEZZA:uno stato dell'essere.

Gli altri vedranno la stessa bellezza e ne faranno parte. Rifletteranno la tua luce...come uno specchio. Brilleranno di te e ti ringrazieranno, anche se non lo sanno.
Mi viene in mente una mia collega che una volta mi disse:" Tutti quelli che hanno lavorato nella stanza con te sono diventati più belli".
Non ho mai ricevuto un complimento così ....bello.

M.U. ha detto...

E' vero come ha detto una volta la tua collega.Stare vicino a te si diventa piu' belli,piu'allegri.che devo dire.Quasi spensierti.Insomma sei speciale. Indovina chi sono? M.U. m. u.

EVA ha detto...

Certo che so chi sei, e scritto da te, con tanti trascorsi difficili, parlare di spensieratezza potrebbe sembrare altamente comico....

se non mi facesse un pò commuovere...


Grazie Mamma-Uvi....
di tutto

Elena ha detto...

Caspita! Io non ci sarei mai arrivata! La cosa è preoccupante molto più di quanto non dica lo specchio :-)))

Luigi Morsello ha detto...

Trovo il quadro di 'donna che si guarda allo specchio' molto suggestivo.
Le riflessioni che seguono sono un brillante gioco di parole, credo, ma esprimono anche un sentimento profondo, di paura forse, di melanconia.
Certo, se ti guardi allo specchio lo stesso rimanda una bella immagine, e tanto basta, credo.
ciao.

Anonimo ha detto...

Léggere queste poche righe, sembra quasi di approdare su un’isola dove, prima o poi, "si deve" giungere da ogni epoca e da qualsiasi direzione; fare i conti con sé stessi, con la propria essenza e con la consapevolezza della propria esistenza.
Un anelito profondo o un paradigma?

Forse una "riflessione" per verificare se la trasformazione degli anni non sia solo esteriore; oppure un’onda nel lago della memoria per riecheggiare come ci immaginavamo "da grandi"....
Non credo che davanti allo specchio si tratti d’una questione di vanità personale, ma, verosimilmente, un sentiero d’amore verso sé stessi.....

EVA ha detto...

....chissà perchè esce sempre allo scoperto questa vena di soffusa malinconia...Forse è la mia energia di fondo, quella che dà spessore e profondità ad ogni cosa che vivo, quel qualcosa di incomprensibile, di irraggiungibile, quello che ci sfugge e che ci fa correre questa pazza avventura...
E osservo la mia fragilità allo specchio quasi fosse la mia "bellezza"....Grazie del commento